FATTORIE SENZA BARRIERE

Il progetto regionale delle fattorie didattiche nasce nel 1998, in collaborazione con le Province. L’obiettivo principale è quello di rendere le strutture agricole protagoniste delle attività di educazione alimentare e creare un’occasione permanente di contatto tra settore agricolo e
società, permettendo alle giovani generazioni di conoscere, attraverso l’esperienza diretta, le coltivazioni, gli allevamenti, gli elementi della natura, gli strumenti utilizzati, i prodotti delle varie filiere, ecc.

L’associazione fattorie didattiche di Parma ha accolto in questi anni, attraverso le proprie aziende, tanti bambini e ragazzi delle scuole di ogni ordine e grado, strutturando percorsi capaci di valorizzare in modo creativo le specifiche caratteristiche di ciascuna fattoria (dalla panificazione alla conoscenza degli animali; dal latte e i suoi derivati ai percorsi ambientali e naturalistici).

Fra i bambini e gli adulti accolti in fattoria sono presenti, da sempre, le persone con disabilità. I gestori, nell’inverno 2013 hanno pensato di aprire una riflessione sul tema della fattoria come luogo di inclusione sociale. Sono stati realizzati alcuni incontri di formazione che hanno riguardato la cultura dell’inclusione delle persone con disabilità (dalla Convenzione internazionale ONU sui diritti delle persone con disabilità all’approccio dell’ICF, Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della salute; dalla normativa alle rappresentazioni sociali e stereotipi) con l’obiettivo di rendere le fattorie didattiche luoghi maggiormente capaci di accogliere le differenze dovute alla presenza di una disabilità.

E’ stato rilevato che il mondo della disabilità è molto eterogeneo e riguarda persone con caratteristiche molto differenti le une dalle altre. I dati quantitativi, che solo in tempi recenti sono stati raccolti, ci dicono che nel mondo ci sono 93 milioni di bambini con disabilità (1 su 20 con meno di 14 anni, dal Rapporto dell’UNICEF 2013). In Italia le persone con disabilità sono il 4,8% della popolazione e nell’anno scolastico 2011-2012 sono circa 145 mila gli alunni con disabilità in Italia (il 3,1% del totale degli alunni), di cui circa 81 mila nella scuola primaria (pari al 2,9% del totale degli alunni) e poco più di 63 mila nella scuola secondaria di primo grado (il 3,5% del totale – Report Istat 2012). La tipologia di problema più frequente è quella legata al ritardo mentale che riguarda in media il 36,3% della popolazione con disabilità nella scuola primaria e il 42,9% di quella della popolazione della scuola secondaria di primo grado. Nella scuola primaria tale problema è seguito dai disturbi per l’attenzione, da quelli del linguaggio e dai disturbi dell’apprendimento, che riguardano rispettivamente il 27,0%, 24,7% e il 20,1% degli alunni con disabilità. Nella scuola secondaria di primo grado, dopo i disturbi mentali, i problemi più frequenti sono legati ai disturbi dell’apprendimento, a quelli dell’attenzione e ai disturbi affettivi relazionali che colpiscono, rispettivamente, il 24,9%, 23,3% e 18,2% degli alunni con disabilità.
Vista la presenza altamente significativa, soprattutto nella nostra provincia di alunni stranieri (il 17% nella scuola primaria e secondaria di 1° grado) una buona percentuale degli studenti con disabilità ha una cittadinanza non italiana.

Obiettivo del progetto

Il desiderio dei gestori è quello di rendere accessibile a tutti i percorsi educativi delle fattorie didattiche attraverso l’elaborazione di un progetto d’associazione a sostegno della maggiore inclusione di bambini e ragazzi con abilità diverse.

La fattoria come luogo di inclusione sociale

Di seguito elenchiamo alcuni elementi che definiscono le fattorie come luoghi che facilitano l’inclusione sociale, favorendo le relazioni, la collaborazione e il contributo di tutti:

  • Il contesto permette il contatto diretto ed esperienziale con la natura e con se stessi;
  • L’ambiente è accogliente e famigliare, distante da strutture rigide ed organizzate; favorisce la socializzazione, la collaborazione più che la competizione;
  • I tempi della campagna sono più lenti, legati alla stagionalità e ai ritmi biologici degli individui;
  • C’è lavoro per tutti … tutti possono fare qualcosa, tutti sono utili; anche chi ha difficoltà scolastiche riesce a mettersi in gioco nelle attività proposte;
  • Possiamo ridare valore ai sensi: annusare, toccare, vedere, gustare, ascoltare … abilità alla portata di tutti e molto spesso sottovalutate.


Risultati attesi
  • Aumentare la sensibilità delle fattorie rispetto ai temi dell’inclusione attraverso la proposta di percorsi specifici rivolti alle persone con disabilità o che permettano ai gruppi di immedesimarsi nelle abilità e difficoltà di una persona diversamente abile;
  • Maggiore fruizione delle fattorie (gruppi classe; gruppi di persone con disabilità; gruppi famiglie, ecc.)
  • Miglioramento degli strumenti comunicativi (vd. sito, brochure, contatti) per fare sapere che le fattorie didattiche sono luoghi inclusivi, per tutti.


Le attività e come fare per richiedere un percorso

Nel sito sono elencati i laboratori che si possono realizzare e a chi si rivolgono (ordine di scuola con e senza la presenza di bambini/ragazzi con disabilità; gruppi di adulti; gruppi di persone con disabilità).

  • Perché l’inclusione sia possibile si richiede una descrizione della classe e dei bisogni educativi speciali presenti, compilando la scheda di iscrizione scaricabile dal sito e inviandola all’azienda con la quale si intende realizzare il percorso;
  • In relazione alle disabilità dei bambini e delle bambine o degli adulti e a fronte di specifiche richieste si garantisce la massima flessibilità e adattabilità dei percorsi;
  • Presenza di servizi igienici accessibili alle persone con disabilità
  • I costi verranno concordati con le singole aziende

Laboratori senza barriere

Elenchiamo di seguito 6 laboratori proposti da diverse aziende che si rivolgono in particolare alle persone con disabilità. A seconda della tipologia di deficit e dei bisogni educativi speciali dei destinatari le varie attività saranno adattate alle capacità individuali.

    1. La via per non vedenti
      Rappresenta l'unico esempio in Emilia Romagna ed uno dei pochissimi in Italia di percorso per non vedenti di 1.500 m di lunghezza, realizzato in modo tale che lo si possa affrontare in assoluta autonomia e sicurezza. Consta di un anello che parte e ritorna all’azienda e che giunge ad una meravigliosa radura dopo circa 800 metri di dolce salita. Prima di ogni visita il sentiero viene controllato e riordinato perché le tabelle in braille e le funi ne consentano un facile utilizzo. Un plastico 3D touch consente prima della partenza a vedenti e non vedenti di rendersi conto dell’effettivo svolgersi del percorso.

      Rivolto a: Tutti; gruppi e singole persone con disabilità motorie, sensoriali e cognitive.

      Realizzato da: Casanuova Società Semplice Agricola
      Strada di Carobbio 11 - 43028 Tizzano Val Parma (PR)
      Tel. 0521 868278 - Cell 349 1613984
      E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
      www.agriturismocasanuova.com
    2. Pomodoro che passione!
      Si propone una passeggiata alla scoperta delle coltivazioni dell’azienda, in particolare esplorazione del campo di pomodoro. Vediamo in che fase di crescita si trova la pianta. Ai partecipanti verrà proposto di conoscere la bacca del pomodoro attraverso i loro sensi e poi di prepararsi un appetitoso piccolo spuntino o di trapiantare una piantina di pomodoro ... In alternativa alla visita alle coltivazioni, sarà possibile familiarizzare con gli animali
      presenti in azienda cercando di conoscerli meglio, superando eventuali diffidenze e paure.

      Rivolto a: Il percorso è pensato per tutti anche per persone, bambini ed adulti, con deficit cognitivi.

      Realizzato da: Azienda Agricola Cotti Luca e Silvio
      Str. Calastra, 1 - Pilastro di Langhirano (Pr)
      Tel. e Fax 0521.637247 Cell. 333.3658806
      E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
      www.fattoriedidatticheparma.com


    1. Le erbe aromatiche
      Appena arrivati nella Fattoria Didattica verrà offerta una merenda.
      Se la stagione lo permetterà, e se tutti lo potranno fare, raccoglieremo dall’orto e dal giardino le erbe più profumate: rosmarino - salvia - menta - basilico - lavanda - alloro e tanto ancora. Se non sarà possibile raccogliere, dentro dei cesti di vimini ci sarà già tutto il necessario per odorare, toccare con le mani per sentire meglio.
      L’odorato è un forte richiamo della memoria e noi cercheremo di racchiudere tutto quanto: erbe, aromi e profumi … e ricordi.
      Le Erbe aromatiche si potranno trasformare con piccoli macinini, o spezzettando direttamente con le mani, in Sale aromatico o zucchero prelibato per il te o Salsina per una merenda appetitosa o Sali da bagno.
      Possibilità di una Caccia al Tesoro sempre usando l’odorato, la vista e .. tanta memoria
      Storie, favole e leggende per ascoltare ancora di piante, di fiori e di profumi.

      Rivolto a: Proposta per tutti, bambini, ragazzi e per chi è stato bambino, perché tutta la giornata sarà a misura di ognuno e tutto verrà fatto in modo che tutti insieme si possa fare la stessa esperienza.

      Realizzato da: Azienda Agrituristica Il Tempo Ritrovato
      Residenza Agrituristica - Fattoria Didattica di Masini Guglielmina
      Via San Geminiano ,11 – Monticelli Terme (PR)
      Tel. 320 0232110
      E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
      www.agriturismoiltemporitrovato.it


    1. Io mangio il sole?
      Lo scopo è di far scoprire ai partecipanti l’importanza fondamentale degli alberi nella catena alimentare; apprendere quali sono gli organi che compongono gli alberi, come funzionano e come avviene la fotosintesi.
      Il laboratorio in aula e in campo porta alla conoscenza degli alberi, in cucina si trasformeranno le patate in gnocchi.
      Il pranzo sarà a base di gnocchi prodotti dagli stessi partecipanti, così l’energia del sole “arriverà nelle loro pance”.

      Rivolto a: Tutti ed in particolare a chi ha una disabilità motoria.

      Realizzato da: Azienda Agrituristica La Sera di San Prospero
      San Prospero - Parma
      Tel. 0521 645001 - Cell. 348 2887431
      E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
      www.agriturismolasera.it
    2. Zooterapia
      Il percorso prevede la visita alla stalla dove si possono osservare ed accarezzare i vitellini, le
      vitelle e le mamme mucche; la visita al pollaio per l’osservazione delle galline, dell’ambiente in cui vivono, di come vivono e di cosa si nutrono; l’incontro con le caprette, gli asini, l’amico cavallo, somministrando loro pane secco.
      Si procede poi alla visita della “casa” del RE dei formaggi.
      Vi è la possibilità di pranzare tutti insieme e gustare tutti i prodotti Bio che offre l’azienda:
      formaggio, con salse appropriate, ricotta del mattino stesso, stracchino, pasta fresca con verdure di stagione, pane casareccio e anche il gelato!

      Rivolto a: Tutti e in particolare gruppi di persone con disabilità cognitive

      Realizzato da: Azienda Agrituristica Biologica Ciao Latte
      Via Muroni, 28 - Sanguinaro - Noceto (PR)
      Tel. 0521 624035 - Fax 0521 624400 - Cell 339 3391783
      E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
      www.ciaolatte.it


  1. Il bosco
    L'Azienda può contare su un percorso di 400 m. asfaltati che attraversano prati e boschi dal quale si possono ammirare piante, fiori e frutti del sottobosco, funghi compresi. In questo contesto potrà essere coinvolto anche chi dovesse avere difficoltà motorie.

    Rivolto a: Tutti e gruppi di persone con disabilità, anche motorie.

    Realizzato da: Azienda Agrituristica Funghi e Fate di Grottoli Maria Cristina
    Loc. Gotra, 76 – 43051 Albareto (PR)
    Tel. 328-2151262
    E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    www.funghiefate.com


Il progetto è realizzato da
Associazione Fattorie Didattiche – Parma/ www.fattoriedidatticheparma.com
Con la supervisione di Annalisa Dall’Asta – Cooperativa Eidè/ www.coopeide.org

Una volta compilata la scheda inviare alla fattoria scelta.